LA NOSTRA IDEA

 

L'Associazione culturale senza scopo di lucro “SPETTRO ARMONICO” nasce a Rovereto nel 2016 da un'idea del suo Fondatore e Presidente Simone Zuccatti. L'Associazione “SPETTRO ARMONICO” intende promuovere l’attività musicale nel territorio sia provinciale che nazionale, mediante il coinvolgimento di giovani artisti trentini e non, in eventi e progetti culturali, non legati in maniera esclusiva alla musica cosiddetta classica, ma aperti anche alle forme contemporanee dell’espressione artistica.

 

Uno degli obiettivi principali è la creazione di una compagine strumentale – che prenderà il nome di “Orchestra da camera SPETTRO ARMONICO” e i cui musicisti potranno essere anche non soci – all’interno dell’Associazione stessa, con l’intento di contribuire a diffondere la cultura musicale attraverso concerti, incontri, collaborazioni artistiche con altri soggetti e realtà associative in una crescente rete di produzione e fruizione musicale.

 

La Musica, in diverse forme e attraverso numerose fonti, è parte integrante e sostanziale nella vita di ogni individuo. Ci conforta, ci dà la carica, ci accompagna nella quotidianità e non si può negare che essa ci influenzi o che in qualche modo ci abbia cambiato la vita. Non serve essere musicisti di professione per subire il fascino che la Musica esercita da secoli su ogni generazione, poichè la Musica è forse l'ARTE più "democratica, onesta e trasversale" che esista, e per questo ne è l'espressione più sublime ed alta.

 

Con le nuove tecnologie chiunque può godere della bellezza della Musica e dei grandi capolavori del passato con uno smartphone ed un paio di auricolari, ma noi crediamo che l'esecuzione dal vivo rappresenti ancora la parte più emozionante e stimolante della produzione musicale: è il motivo stesso per cui la Musica esiste in sé.

 

Ecco dunque spiegato il nostro intento di divulgare quanto più possibile, seppur con i mezzi modesti di una piccola orchestra da camera, la cultura musicale in un periodo storico che necessita sempre di più di momenti di condivisione, di aggregazione e di accrescimento culturale per combattere l'isolamento e l'appiattimento delle identità individuali.

 

IL NOSTRO NOME

 

spettro  Dal latino spectrum «visione» (der. di specĕre «guardare»). In varie discipline scientifiche e tecniche, è un termine frequentemente usato per indicare la composizione armonica di una grandezza variabile nel tempo.

 

armonia Dal greco ἁρµονία «unione», «proporzione», «accordo». Concordanza tra elementi diversi che provoca piacere e, in senso più specifico, concordanza di suoni o assonanza di voci.

 

spettro armonico Composto da un suono fondamentale sommato alle proprie armoniche, è ciò che definisce e determina il timbro - ossia il profilo peculiare, la caratteristica distintiva, il "colore" - di ogni voce o strumento musicale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il timbro è quella particolare qualità del suono che permette di distinguere due suoni con uguale altezza. Il timbro rappresenta, dunque, quell'attributo della sensazione uditiva che consente all'ascoltatore di identificare la fonte sonora, rendendola distinguibile da ogni altra.

Il timbro è il particolare profilo o carattere distintivo di un suono emesso da una voce o strumento musicale: un violino, un oboe o un pianoforte emettono la medesima nota (stessa altezza ovvero frequenza) ma con timbri inconfondibilmente diversi e peculiari. Così per le voci umane, i versi animali o qualsiasi altro strumento.

Il timbro, che spesso è indicato fra i "parametri" del suono, insieme all'altezza, all'intensità e alla lunghezza, suggerisce numerose analogie con il colore per quanto riguarda la percezione visiva. Infatti, il timbro viene designato come colore del suono tanto in inglese (tone-colour) quanto in tedesco (Klangfarbe).

Mentre le altezze sonore, le durate e le intensità possono essere "quantificate" e ordinate lungo una scala perché grandezze fisiche oggettive e misurabili, ciò non può essere realizzato per il timbro che è una grandezza multidimensionale.

Il timbro è determinato dallo spettro armonico (dato dalle sempre differenti distribuzioni di energia delle armoniche) in particolare dallo spettro di fase e di ampiezza della serie delle armoniche e dal profilo dinamico (attacco, decadimento, sostegno e rilascio).

 

Lo SPETTRO ARMONICO è dunque ciò che definisce e determina il timbro, cioè il "colore" di ogni voce o strumento musicale.

Per estensione, lo Spettro Armonico rappresenta quindi il DNA della Musica stessa, il fenomeno fisico grazie al quale la percepiamo, il profilo distintivo che la rende riconoscibile e senza il quale esisterebbero solamente delle note astratte su un pentagramma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© 2016 Associazione "Spettro Armonico" - Sito web creato da Simone Zuccatti

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon